Alle Stelle Piangente

Equa ed annienta il crociato recente,
strazio silente ch’acuto impigrisce,
questo perduto legame esperisce
lume di Venere fioca a ponente.

Paca il profluvio dell’acque ch’immote,
torbide e ferme, imago che schiaccia,
mostransi fusche, non soffia bonaccia,
parche di vita e letizie remote.

Mite silenzio frastuono diviene,
ira funesta che scuote tremante
l’ossa e le carni, libido imperante
di guerra bruta dal ventre suvviene.

Rogo che l’ira s’in lacrime volga,
pace e sollazzo al cor mio porga in doni,
dilanin greggi coi denti i leoni,
che questo grave dall’alma distolga.

Sciogliti, librati, strazio invadente,
stràppami via quelle vesti sudate,
da queste membra lontane volate,
opto star ‘gnudo alle stelle piangente.