Stolto

Che sai di me, che ancora non conosco,
o tu, che spingi forte sul mio petto,
che stringi le tue mani al collo, stretto
in una morsa che fa tutto fosco?

Rimani occulto nel mio sottobosco
e spesso, pare quasi per dispetto,
appari, sol per farmi uno sgambetto
e indossi un manto nero, alquanto fosco.

Eppure so che debbo darti ascolto,
o demone, ché porti verità
a me, che tanto a lungo t’ho ignorato;

è l’ora che si chiuda col passato,
nel quale forse fuggo per viltà,
fingendo d’esser saggio essendo stolto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...