Stay Hungry Stay Foolish

Non manca molto al ritorno della normalità, il venti percento della nostra fiera e impavida popolazione ha ricevuto la seconda dose di vaccino. A breve, sottoporranno anche il sottoscritto a questo rituale. Non sto più nella pelle, sono eccitata come una scolaretta, chissà quale vaccino prelibato avrà il solenne compito di immunizzarmi da questo virus un po’ birbantello e, soprattutto, mi auguro di poter avere possibilità di scelta tra le quattro pietanze proposte dalle case farmaceutiche. Nel caso, gradirei una buona dose di Janssen, grazie.

Facciamo un bel resoconto, cari amici e care amichesse, è stata o non è stata un’esilarante e scalmanata avventura? Questo anno e mezzo non ci ha fatto forse riscoprire il nostro attaccamento alla patria? È stato davvero meraviglioso sentirsi parte di qualcosa, cantare l’inno sul balcone, sorelle e sorelli d’Italia uniti contro questo nemico invisibile, ma soprattutto lesti nel denunciare chiunque abbia attentato alla nostra Repubblica uscendo durante il coprifuoco e diffondendo di proposito il contagio. Bene hanno fatto, coloro che riprendevano con i loro smartphone questi nemici della patria e sporgevano fior di denunzie contra questi manigoldi. Stiamo parlando di gente autenticamente coraggiosa e con la schiena dritta, uomini e donne di valore che sarebbero capaci di gettarsi nel fuoco pur di salvare il paese e i propri concittadini. A loro va la mia profonda gratitudine, è anche merito loro se io stessa non ho subito alcun contagio. Grazie, delatori e delatrici d’Italia.

E ora cosa ci resta? Andrà tutto bene, giusto? Guardiamo le cose con obiettività. Siamo un paese con uno dei debiti pubblici più ciccioni del mondo, inasprito dapprima dalla potenza di fuoco devastante e incendiaria del professore e avvocato Giuseppe Conte, il quale tra quote cento, redditi di cittadinanza, casse integrazioni, ristori, ha forse guidato una delle legislature più sprecone della storia della Repubblica, un governo talmente sciupone da far sembrare Bettino Craxi un paladino dell’austerity. Di fatto, guardiamoci allo specchio e prendiamone atto, pur ingannati dai nostri genitori che ci mantengono non solo per amore, ma anche per continuare ad avere potere su di noi e farci sentire dei falliti: ci hanno ridotto con le pezze al culo. Le aziende sbattono i dipendenti in cassa integrazione ordinaria, invitandoli comunque a lavorare anche in quei giorni, avendo capito di poter risparmiare un sacco di soldi con queste operazioni e sapendo che nessun dipendente si ribellerà mai a tale andazzo, visto che in questo paese di menestrelli da balcone fuori dalle nostre case si respira un’aria di morte e “siete fortunati ad avercelo, un lavoro”. Le aziende somigliano ormai sempre più a dei grossi fondi di investimento, il cui unico interesse è quello di far quadrare i conti, facendo tagli lineari e sbattendosene delle competenze e del capitale umano. Tutto questo andazzo è anche una conseguenza di una totale assenza di imprenditori con una visione. Parte della classe imprenditoriale che ha reso grande questo paese nel dopoguerra aveva combattuto al fronte, alcuni di loro erano stati partigiani, avevano visto la morte in faccia in certi casi. Davvero possiamo sperare che possa venir fuori qualcuno con quella tempra, dopo l’anestesia dovuta a un eccesso di benessere e consumismo che ha avuto la responsabilità di aver trasformato gli uomini in amebe mezze tacche segaiole compiacenti con una floscia appendice tra le gambe, impauriti dalla propria ombra e incapaci di qualsiasi tipo di iniziativa, nel timore di sbagliare? Nelle stesse aziende, l’attuale classe dirigente è totalmente castrata e disincantata. Il vecchio Sorriso campa ormai di rendita e di prebende, non prende nessuna decisione e scarica ogni responsabilità sulle basse leve come Ilario, che lavora fino alle undici di sera perché ha sposato la “mission” ed è convinto che un giorno le sue fatiche saranno riconosciute, mentre al contrario lo aspetterà una semplice pacca sulla spalla e promesse mai mantenute, intanto che sua moglie Martina si farà sempre più malinconica e inizierà a sfiorire e a ingrassare, trascurata dalle velleità pseudo-imprenditoriali di un marito esaltato e drogato di lavoro, con il culo parato da uno stipendio a fine mese, indottrinato dalla filosofia dello “stay hungry stay foolish”, forse la vera pandemia del ventunesimo secolo, motivo per cui Steve Jobs sarà finito senz’altro all’inferno.

Miei cari, mie care, Ilario è dappertutto, è attorno a noi.

Ma soprattutto, Ilario è dentro di noi.

Non dategli ascolto.

Tresca

I muri crollano e s’apre il confine,
perché la vita è fuori dai castelli,
teatro già di lotte clandestine.

È tempo di guardar oltre gli orpelli,
di quelle rose rosse restan spine,
lasciamo che comàndin gli zimbelli.

E l’aria che respiri è già più fresca,
di mandorle e lavanda vien l’odore,
adesso placa pure il tuo furore,
per quando via sarai da quella tresca.

Lockdown Cicciobombo

Cicciodina

Mi ritengo un uomo e una donna fortunata. Vivo in un paese la cui informazione è in mano a testate giornalistiche di tutto rispetto, quotidiani autorevoli in grado di fornire notizie sempre utili alla nostra popolazione, con rigorosi approfondimenti di carattere politico, economico e sociale. Effettivamente questa notizia corrisponde al vero, la clausura ha fatto sì che io stesso ingrassassi del quarantaquattro percento. Il valore del mio indice di massa corporea, a meno dell’unità di misura, coincide con il valore della mia temperatura corporea. Sono divenuta una disgustosa e grassa cicciobomba, in questo momento sto scrivendo mentre giaccio nuda e supina sul mio letto, intanto che i miei ormai vulcanici seni si afflosciano lateralmente a guisa di mozzarellone di bufala, mentre il resto del mio molle e grasso corpaccione sprofonda nel materasso. È anche questa una delle ragioni per cui ho smesso di lavarmi da circa un anno e mezzo, non riesco a scendere dal mio giaciglio e intanto le piaghe da decubito mi perseguitano. Ci pensa un’associazione di volontariato a portarmi da mangiare, due aitanti giovanotti, ignari del fatto che un giorno banchetterò con i loro corpi succulenti, imbardati in tute di protezione che consentano loro di non respirare i miasmi emessi dal mio fisicaccio, sia cagionati da un odoraccio di sudore che sa ormai di cipolle marce, sia dai miei peti emessi con costanza e fierezza, che spero vengano utilizzati come arma di distruzione di massa per il prossimo conflitto mondiale. Confesso che mi piaccio così, finalmente mi accetto per quello che sono, sono diventata davvero una bella fica e posso finalmente dichiararmi con fierezza una modella curvy, potrei invero pensare di introdurre una nicchia in questo mondo fatato del politicamente corretto, la nicchia delle “stinky curvy”, che in tempi non lontani, avremmo potuto chiamare “nicchia delle ciccione puzzone”, finché non interverrà un emendamento del ddl Zan a inasprire le pene per chiunque discrimini i panzoni e non li tratti con i guanti di velluto.

Care donne, madri, impiegate, operai, eroine multitasking: siate sempre la migliore versione di voi stesse.

Chiudi Gli Occhi

Le foglie mosse, tacite, dal vento,
ch’osservi mentre ondeggiano soavi,
già mandan via lontano certi ignavi
e placano il dolor del tradimento.

E non ti riconosci, quasi a stento,
nei tempi ormai lontani, quando urlavi
e immerso con il fango te ne stavi,
e tutto quell’ardore pare spento.

Eppure quella fiamma ancora brucia,
ci s’alza ancora in piedi, pur feriti
da mani che t’abbassan sui ginocchi.

Che il tempo certi graffi ormai ricucia
e scuoti le tue vesti dai detriti,
e ignuda t’addormenti; chiudi gli occhi.

Ruggiti

Tramonti che s’alternano a ruggiti
che vengon da leoni chiusi in gabbia,
che per congiure caddero, traditi;

e lenti si sprofonda nella sabbia,
e s’odon di neonati già i vagiti,
proviene dai primordi quella rabbia.

Sol si può agire, aspettare, sperare
e continuar questa vita ad amare!

Ebbrezza

E non vi è più paura dell’ignoto,
d’aprire e oltrepassare quella porta,
e reggi il peso, o tu pieno di vuoto;

piuttosto hai da temer la vita morta,
fuggire chi vietarti d’ogni moto
del cuor vuol, anch’ergendosi a tua scorta.

E già si manifesta la bellezza
di vita e ti travolge la sua ebbrezza.

Nuova Chiesa Cattolica

Quest’epoca impregnata di continue rivoluzioni progressiste non ha ancora portato l’innovazione necessaria all’interno della Chiesa Cattolica. Trovo che i tempi siano ormai maturi per un cambiamento che si fa sempre più necessario e urgente all’interno di un’istituzione ormai vetusta e assolutamente non in linea con il paradiso dei diritti che si è venuto a creare nel nostro occidente moderno e positivista. Mi permetto di suggerire una serie di modifiche da apportare ai sacri testi e al nostro catechismo, nella speranza che i miei suggerimenti possano dar luogo a un dibattito fruttuoso e foriero di spunti per proseguire con la nostra lotta, la nostra eterna battaglia, condotta da noi donne, madri, operaie, impiegate, lavoratrici, eroine dei nostri tempi, ma soprattutto, multitasking, qualsiasi cosa significhi.

Innanzitutto, è bene far guidare la Chiesa da due sommi pontefici, uno bianco e uno nero, senza distinzione di sesso. Questa diarchia darebbe senza meno un tocco di classe e modernità alla Chiesa fondata da Nostro Signore, non solo per l’eleganza dovuta al gradevole abbinamento di colori, ma anche perché ciò porterebbe a una necessaria integrazione con il concetto di Yin e di Yang derivante dall’antica filosofia cinese e dal Taoismo, dando una spruzzatina di oriente che fa sempre un gran figurone. A questo, dovrà naturalmente seguire una totale rivisitazione della Sacra Bibbia, in un’ottica favorevole ai diritti degli omosessuali e delle donne, nell’ambito della quale Dio Padre venga sostituito con Dea Madre, donna onnipotente, castrante e accentratrice, la quale, nel Nuovo Testamento, decide di mandare sulla terra suo figlio Gesù Cristo, un ragazzone al contempo viziato e succube della sua volontà soffocante, il quale non avrà alcuna voglia di lavorare come falegname presso i suoi genitori adottivi Giuseppe e Maria e deciderà di passare il tempo a bighellonare tra un aperitivo e l’altro con una dozzina di amici scalmanati e mattacchioni, ironicamente soprannominati da lui stesso “gli apostoli”. Gesù stringerà un’amicizia particolare con “l’apostolo” Giovanni e avrà una relazione con quest’ultimo, attirandosi le gelosie di Giuda, innamorato da sempre di lui, ma vittima di una dipendenza affettiva che lo renderà appiccicoso e bisognoso e che porterà Nostro Signore a tenerlo alla larga. Giuda si vendicherà delle attenzioni non ricevute segnalando il suo grande amore a una banda di transomofobi, che lo uccideranno a suon di calci e pugni nel corso di una scampagnata sul Golgota-Calvario, per poi inchiodare il suo corpo a una croce di legno. Maria si recherà sul luogo del misfatto con Giovanni e l’amica Maddalena e, a causa del dolore per la perdita di suo figlio, diverrà isterica e imprevedibile, andando a compromettere il rapporto con suo marito Giuseppe, il quale, un giorno, esasperato dall’ennesima scenata fuori luogo, la ucciderà a colpi di accetta per poi togliersi la vita, macchiandosi del primo femminicidio della storia dell’umanità.

Se me lo consentite, questa riscrittura dell’Antico e Nuovo Testamento consentirebbe tra l’altro di far sì che il femminicidio e la transomofobia vengano annoverati tra l’elenco dei peccati mortali, declassando l’aborto a peccato veniale, a pari merito con la masturbazione e garantendo a donne, omosessuali e trans di accedere al sacerdozio, oltre che introdurre la possibilità di declassare gli attuali sacerdoti al grado di “suori” e “perpetui” delle nuove sacerdotesse della Nuova Chiesa Cattolica.

Scrivete “Awomen” e condividete, cazzo!

Una Giornata di Sole

Oggi è nuovamente una giornata di sole, motivo per cui non sono esattamente di buon umore. Il maltempo si è nuovamente guastato e questo sicuramente non mi aiuta a lavorare e a portare avanti i miei progetti. Di fatto, la luce del sole illumina le mie ombre, i miei lati oscuri e, di conseguenza, non mi risulta possibile attingere al pozzo nero della mia anima corrotta, al servizio del pensiero comune e del conformismo. Come ben sapete, preferisco lavorare nel torbido, nell’ambiguità, ove tutto è nebuloso, poco chiaro, indeterminato. È lì che sono a mio agio, in contesti poco chiari mi sento invero a casa e da lì, da questa imprecisa torre d’avorio, posso osservare voi piccoli umani, chiusi nelle vostre certezze di plastica, abitanti di castelli di carta che cadono giù con un semplice alito di vento, sognatori ambiziosi con la convinzione che i vostri desideri si realizzeranno senza sforzo alcuno, che il vostro cammino sarà lineare, figli a vita di genitori a loro volta figli a vita.

Insomma, è questa la lettera di presentazione che intendo mandare alla redazione di Repubblica per farmi assumere come giornalista.

Cari amici e care amichesse, credete che ce la possa fare?

Covid Pass

Sono davvero eccitata come una fichetta, a breve sarò vaccinata anch’io, ma la cosa che più di tutte mi manda in sollucchero è la possibilità di ricevere il famigerato “Covid Pass”. Sono felice ed emozionata all’idea che finalmente anche noi, a guisa di prodotti di consumo, avremo una data di scadenza, saremo carne di buona qualità per circa un annetto e poi, come veicoli un po’ vestuti e ammaccati, saremo sottoposti a tagliando e revisione ministeriali, onde recuperare un minimo di valore e anticipare l’inesorabile decadimento con conseguente rottamazione.

D’altro canto, è così che percepisco l’umanità intera, oggetti di consumo, individui al servizio della mia imprevedibilità, vanagloria e dabbenaggine, della quale amo percepire i dettagli e magnificarli alla ricerca di diaboliche verità, per strappare un sorriso a me stessa e a voialtri, per rendermi conto che i vostri difetti appartengono solo a me e per realizzare con sempre maggiore convinzione quanto io sia fondamentalmente una passerina isterica e paranoica, che assume un contegno di facciata e dissimula indifferenza, ma silentemente e discretamente vi osserva guardinga, metabolizzando informazioni utili alla presa del potere, che avverrà, secondo i miei calcoli, nel giro di circa cinque anni.

Tutto questo per augurarvi buon appetito e buona digestione.

In Eterno

Chi porta verità vive in eterno,
nell’opere compiute sulla terra,
umano, appare fermo, stanco ed erra
lontano ormai dal gelo dell’inverno.

Risorta è la realtà, l’amor fraterno
sarà sempre più forte della guerra
e lesto, ritto, il contrattacco sferra,
invano porteranno qui l’inferno.

E scende sera, ancora passi avanti,
per dove non è noto ma si libra
nell’aria d’una fresca primavera;

quell’aria ricompone l’alma intera,
congiunge i suoi frammenti, adesso vibra,
si ama solamente in certi istanti.